Topografie dell’illustratore Dino Maucci

Un’originale mostra dell’illustratore Dino Maucci sarà visitabile dal 5 al 13 luglio presso il Castello di Gambaro a Ferriere di Piacenza.

Emmestudio ne ha curato il sito visitabile al link: http://topografie.businesscatalyst.com/index.html

Paperopoli completa bassa

Ai lettori Disney non interessa com’è fatta la casa di Topolino (dov’è il bagno, dove sono le camere da letto, ecc.). Ai lettori Disney interessano solo i luoghi nella misura in cui sono funzionali all’avventura che stanno leggendo. Non c’è posto che Maucci preferisca più dei fumetti, non importa dove vengano ambientate le storie purché abbiano una collocazione dignitosa, presente, vissuta, quotidiana. Fu allora, in quanto appassionato lettore di Topolino, che avvertì il bisogno di creare quei luoghi, tutti sempre più somiglianti al suo mondo, che poi è il nostro, fatto di palazzi, strade, inquinamento, problemi di viabilità. Incominciò a percepire l’essenza del disegnatore di fumetti, che ambienta casualmente avventure in luoghi casuali. Ma era proprio quella casualità ad alimentare la profondità della sua azione, che andava ben oltre l’aderenza al testo, che provocava una fertilissima ma illegittima confusione tra realtà e finzione. Oramai fuori controllo, Maucci giura di aver visitato personalmente Paperopoli, Topolinia, Zukkerville, Tacchinocity o Karakalla. Ha quindi iniziato a disegnare queste mappe quando aveva 15-16 anni e quello che emerge è proprio questa forma di ossessione da lettore che vuol sapere com’è fatto questo mondo che non esiste e quindi iniziare col creare un ordine malgrado conoscesse solo i nomi e cercando di collocarli in una geografia probabile secondo l’assioma hegeliano “Ciò che è razionale è reale e ciò che è reale è razionale” e quindi disegnare un mondo che non esiste per renderlo reale e per renderlo reale tutto deve essere razionale. Quindi il suo bisogno di tracciare le strade che congiungono le varie città, collocare il tracciato dei fiumi e delle ferrovie, posizionare piazze, stazioni, aereoporti, ospedali ed infine disegnare le contee come strutture organizzate, pensate e progettate come un vero e proprio progetto urbanistico. Il lavoro di Dino Maucci va considerato come il primo atlante immaginario delle terre disneiane, un progetto urbanistico che affronta l’aspetto spaziale e morfologico della città e si confronta con l’intera complessità urbana in parte descritta e in parte volutamente taciuta in questi fumetti. Maucci non ha fatto altro che mettere in pratica la celebre frase della Walt Disney Company: “If you can dream it, you can do it”. (Se potete sognarlo, potete farlo).

Topolinia unita

 

 

Dino Maucci

cresce a 600 metri di altitudine sull’Appennino piacentino. Designer dell’Università del Progetto. Nell’industrial design e nello stile vince al Yokohama ideas competition con “Il vascello fantasma”, Ustra di Hannover pubblica alcune sue idee sul mezzo pubblico ecologico, espone ad “Abitare il Tempo” il progetto “Aspettando la seconda repubblica”, Dainese espone la sua “maglietta in carne ed ossa”. Approda al cinema e al documentario come regista indipendente, scrive e disegna sceneggiature (Documentary in Europe). Assiste Gian Vittorio Baldi per la regia di Nevrijeme. La Cineteca di Cesena conserva tutti i suoi disegni per il cinema (edizioni Hypermédia). Realizza alcuni film come Nure, XPo, Avec passion (per l’Ente Nazionale Sordomuti, terzo miglior cortometraggio al Festival del cinema muto di Milano) e scrive diversi soggetti come Atlante del cielo, Renaissance man. Tra le sue recenti collaborazioni Beppe Cantarelli, la Fondazione casa natale Enzo Ferrari, Studiocento29, Giancarlo Carraro, Emmestudio. Autore del grottesco e del surreale, disegna a mano libera, è regista ed illustratore per la comunicazione.

09327d0

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s